Home Costi Costi

Costi

Costi

Il Fondo pensione di categoria ASTRI ha dei costi di gestione, sia amministrativi che finanziari, molto bassi, che vengono ripartiti tra gli aderenti e servono esclusivamente per coprire le spese connesse al funzionamento del Fondo e alla sua gestione amministrativa.

Le spese a carico dell’aderente sono di tre tipi:

  1. Costi amministrativi
  2. Costi di natura finanziaria

Costi amministrativi

Il costo di iscrizione: è la quota versata al Fondo “una tantum”, trattenuta in occasione delle prime contribuzioni, ed è pari a € 15 sia per il lavoratore che per l'azienda.

La quota associativa annuale (a carico sia dell’aderente che dell’azienda) trattenuta in occasione delle prime contribuzioni e prelevata a gennaio di ogni anno ed è pari a € 18. La quota associativa annuale per gli iscritti contrattuali per l’anno 2017 è pari a € 16 ed è comprensiva del costo una tantum.

Non sono, invece, previsti costi per richiedere le prestazioni.

 

Costi di natura finanziaria

I costi di natura finanziaria sono in percentuale del patrimonio (0,27% per il comparto garantito; 0,105% per il comparto bilanciato; 0,0195% per la banca depositaria). Tali costi sono detratti dal rendimento ottenuto. 
I risultati pubblicati sul sito del Fondo sono già al netto di questi costi e delle imposte.

Per meglio rappresentare il vantaggio di iscriversi ad ASTRI, nel grafico sottostante si mostra l’incidenza dei costi nei diversi Fondi pensione dopo 35 anni di permanenza, ipotizzando un versamento di 2.500 € all’anno con un rendimento sempre pari al 4%.

Confronto media costi fondi pensione e Astri

Nel caso di adesione ad ASTRI si avrà un montante pari a € 184.399; valore molto più alto di quello di un Fondo aperto (€ 149.501) o di una polizza assicurativa (€ 132.606).

A parità di ogni altra condizione, quindi, grazie ai bassi costi si avranno almeno € 25.000 in più!

 

Vai alla scheda dei costi